Unguenti, creme e gel per lo sport

Unguenti, creme e gel per lo sport

Nel complesso trattamento delle lesioni e delle malattie del sistema muscolo-scheletrico, così come per la loro prevenzione, vari unguenti, creme e gel sono ampiamente utilizzati.

Il gonfiore e il dolore causati da un trauma sono il risultato del danno ai piccoli vasi, dell’ipossia dei tessuti e dell’aumento della permeabilità capillare. La circolazione è compromessa (di solito il flusso sanguigno e la nutrizione dei tessuti sono compromessi e la rigenerazione dei tessuti (guarigione) è di conseguenza compromessa).

L’applicazione di unguenti, gel e creme è finalizzata all’analgesia (sollievo dal dolore); riduzione dell’irritazione e dell’infiammazione dei tessuti; accelerazione del riassorbimento, riduzione dell’edema e dell’ematoma; miglioramento della microcircolazione (flusso sanguigno); stimolazione della rigenerazione dei tessuti (crescita dei tessuti).

Quasi tutte le pomate sportive (creme, gel) hanno, in misura maggiore o minore, proprietà analgesiche e antinfiammatorie. Di solito si dividono in unguenti riscaldanti (iperematici) e raffreddanti.

Unguenti riscaldanti

Grazie alle loro sostanze costitutive (per esempio veleni di api e di serpenti che aumentano la permeabilità capillare, o estratti di pepe, o pomate di salicilato di metile che hanno un effetto riscaldante più debole), aumentano localmente la circolazione del sangue nel tessuto, in modo che il trasferimento di calore sia aumentato. Gli unguenti riscaldanti non dovrebbero essere usati immediatamente dopo una lesione, poiché il tessuto dovrebbe essere raffreddato piuttosto che riscaldato subito dopo la lesione.

Gli unguenti riscaldanti sono utilizzati nel periodo di recupero, alcuni giorni dopo una lesione acuta (a seconda della gravità), in malattie come miosite, radicolite, neurite, borsite, lombalgia, bronchite. Anche per le malattie croniche di legamenti, tendini e articolazioni.

Unguenti e creme riscaldanti (iperemizzanti) sono utilizzati per la prevenzione delle lesioni. Sono più utili nei casi di notevole sforzo fisico, quando l’apparato locomotore è sottoposto a sforzi prolungati e gravi. Sono meglio utilizzati in caso di lavoro prolungato o faticoso sull’apparato locomotore. Molti atleti sono ben consapevoli di quanto i muscoli facciano male dopo un allenamento. Per prevenirlo, non solo bisogna riscaldarsi bene, ma anche strofinare pomate riscaldanti nei muscoli con movimenti di massaggio. Meglio ancora, dovresti fare un massaggio pre-allenamento con una pomata riscaldante. Date le sottigliezze di questi prodotti e le possibili reazioni allergiche e di altro tipo, dovreste leggere il foglietto illustrativo prima di usarli. Dovresti sempre fare un test cutaneo prima di applicare una nuova pomata o crema riscaldante per la prima volta: mettine un po’ sulla piega del gomito o nella zona del tendine del ginocchio.

Allo stesso tempo, non esagerare con l’uso profilattico di pomate contenenti antinfiammatori non steroidei (salicilato di metile, ibuprofene ecc, vedi sotto per maggiori dettagli). Nel suo articolo “Anti-inflammatory drug use in healthy athletes – no pain, no gain?”, il dottor Mackey A.L. ha riferito che il loro uso durante il periodo di allenamento rallenta significativamente la rigenerazione del tessuto muscolare e l’ipertrofia muscolare (Mackey A.L., 2007).

Unguenti rinfrescanti

Le pomate rinfrescanti (spesso gel) non sono così irritanti come le pomate iperemiche, quindi possono essere usate immediatamente dopo una lesione. L’aggettivo ‘raffreddamento’ non implica che i gel abbassino effettivamente la temperatura, ma che creino solo una sensazione di raffreddamento. Le pomate rinfrescanti (gel), grazie alla loro composizione di analgesici, anticoagulanti, mentolo, oli essenziali e talvolta alcool, danno sollievo al dolore e calmano la zona ferita.

Per le ferite fresche, l’unguento non deve essere strofinato per evitare di causare un’iperemia dei tessuti. Basta applicare l’unguento sulla pelle e aspettare che si assorba. Le formulazioni in gel sono più adatte, perché hanno una migliore capacità di assorbimento e un effetto di raffreddamento.

Nelle condizioni croniche (borsite, tendovaginite, ecc.) si usano prodotti antinfiammatori contenenti iodio e altri ingredienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

powered by 2020